BERLUSCONI ALLO STADIO ANCHE PER AFFARI: IL MILAN APRE ALL’ORIENTE

BERLUSCONI ALLO STADIO ANCHE PER AFFARI: IL MILAN APRE ALL’ORIENTE

Silvio Berlusconi, Presidente del Milan, e Richard Lee, magnate di Hong Kong, in tribuna a San Siro - fonte www.tuttomercatoweb.com
Silvio Berlusconi, Presidente del Milan, e Richard Lee, magnate di Hong Kong, in tribuna a San Siro – fonte www.tuttomercatoweb.com
In campo Milan e Fiorentina hanno pareggiato in un match povero di emozioni, ma sulle tribune di San Siro potrebbe essersi giocata una partita ancor più importante. A fare scalpore infatti è stata la presenza non annunciata di Silvio Berlusconi allo stadio, accompagnato dalla figlia Barbara e da un altro ospite molto particolare: Richard Lee. Forse sconosciuto ai più, il magnate di Hong Kong è uno degli uomini più influenti nel panorama finanziario orientale, è il presidente della Wo Kee Hong, società specializzata nella distribuzione dei marchi di lusso in Asia, già capace di portare Ferrari e Maserati in Cina. La sua presenza a San Siro potrebbe non essere dunque un caso: il Milan guarda con molta attenzione al mercato orientale, cercando di espandere il proprio brand in un territorio fertile dal punto di vista economico.Casa Milan e possibili succursali in Asia – I rossoneri dopo la realizzazione della nuova sede hanno puntato molto dal punto di vista del marketing su Casa Milan: la creazione anche di un font dedicato (molto ammiccante ai possibili investitori orientali) è certamente un indizio del grande lavoro che Barbara Berlusconi e i membri del suo staff hanno intenzione di compiere per allargare gli orizzonti economici del club. In questo senso Lee potrebbe rivelarsi una spalla ideale: la sua società si occupa precisamente di questo e potrebbe contribuire alla costruzione di strutture simili e affiliate alla nuova sede rossonera, con il Diavolo che potrebbe cavalcare l’onda dell’entusiasmo con nuove iniziative oltre a quelle già partite quest’anno (si veda l’arrivo per la prima volte del Milan Glorie in Cina, ndr).Partnership per il nuovo stadio? – C’è però un’altra strada, più difficile da percorrere in questo momento ma non per questo da scartare a priori. Come è noto da tempo, il Milan sta valutando la possibilità di abbandonare San Siro per costruire un nuovo impianto più all’avanguardia e soprattutto di proprietà del club di via Aldo Rossi. Il costo dei terreni nell’area EXPO e alcuni problemi burocratici però avrebbero frenato l’entusiasmo dei rossoneri, che per ora sembrano aver congelato il progetto. Ancora una volta Richard Lee potrebbe arrivare in soccorso alla famiglia Berlusconi. Il magnate potrebbe diventare uno dei partner per sostenere i costi e potrebbe aiutare il Milan a trovare nuovi investitori: questo potrebbe dare un nuovo impulso a questa iniziativa, fortemente caldeggiata soprattutto da Barbara e vista di buon grado anche da Fly Emirates, main sponsor del Diavolo, che potrebbe alla fine optare per un nuovo sforzo economico per ripetere quanto già fatto con l’Arsenal. Il tutto comunque non sarebbe una questione nel breve periodo, ma più realisticamente realizzabile nei prossimi 5 anni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy