BARBARA BERLUSCONI, UN VULCANO SILENTE

BARBARA BERLUSCONI, UN VULCANO SILENTE

Barbara Berlusconi (fonte foto: www.corrieredellosport.it)
Barbara Berlusconi (fonte foto: www.corrieredellosport.it)
La quiete prima della tempesta. Perchè è molto tempo, forse troppo, che Barbara non parla. E in una situazione così delicata della squadra, tutto questo è abbastanza strano.Ultimo evento ufficiale, il rinnovo dell’accordo di sponsorizzazione con Fly Emirates. Poi il silenzio. Neanche durante la recente tournèe a Dubai, nessuna traccia dell’Ad rossonero, evento che normalmente poteva rappresentare una chiave di volta per il lato commerciale e mediatico della società di Via Aldo Rossi.Sembra quasi che Barbara stia sistematicamente evitando apparizioni pubbliche e soprattutto dichiarazioni. Sta rispettando le consegne. Lei al commerciale, Galliani al lato sportivo. Anche se le sue convinzioni non sono difficili da capire e comprendere: la sua idea di Milan e di gestione è ben diversa da quella del buon Adriano, ma per il momento la figlia del presidente rispetta le parti che il padre ha deciso di dare ai due Ad rossoneri.Ma il lavoro di Barbara non si ferma, nonostante le voci prenatalizie che la volevano incinta per la terza volta. Dopo il successo ottenuto con Casa Milan, gli incassi ben oltre le previsioni e il rilancio del brand Milan, la figlia di Berlusconi vuole mietere altri successi. Progetta, discute, si informa. Vuole rilanciare i colori rossoneri in ogni ambito e non si fermerà fin quando non avrà raggiunto il proprio obiettivo.Innanzitutto Barbara sta ristrutturando il lato commerciale dell’azienda, completando l’organigramma e studiando nuove strategie, soprattutto allargando l’orizzonte verso l’Oriente. Un bacino d’utenza immenso, da sfruttare e “colonizzare”. La settimana prossima, infatti, BB volerà in Giappone alla ricerca di nuovi sponsor e per definire le date e i dettagli della prossima tournèe estica del Milan in Cina e Giappone. Il Sol Levante e la terra dei Mandarini vivono ancora i riflessi delle epiche vittorie di Sacchi e Capello, con tifosi che anche per un’amichevole sono disposti a tutto. E Lady B non è insensibile a tali richiami. Come ad una possibile Casa Milan a Shangai, punto di raccolta per i tifosi rossoneri con gli occhi a mandorla.E poi lo stadio. Con Fly Emirates come principal partner, per un progetto che dovrebbe sorgere vicino Casa Milan, zona Portello, per una capienza di circa 45.000 spettatori. Febbraio dovrebbe essere un mese decisivo, per un’idea che garantirebbe nuovi introiti economici e miglioramenti d’immagine, come d’altronde la Juventus insegna con il suo Stadium.E dopo aver ristrutturato il lato commerciale e progettato lo stadio, sarà la volta anche del lato sportivo, con Galliani a farsi da parte? Tutto è possibile, ribaltoni compresi. Perchè l’ambizione di Barbara ricorda quella del primo Berlusconi, quell’ambizione che entrando a Casa Milan aleggia nell’aria.Vuole tornare a vincere Lady B, e per farlo ogni cosa deve essere perfetta e studiata a puntino. Piccole donne crescono. Presto ne vedremo delle belle. Un vulcano silente pronto ad esplodere. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy