ARMERO, TEMPO DI BILANCI DI MERCATO. IL MILAN RIFLETTE

ARMERO, TEMPO DI BILANCI DI MERCATO. IL MILAN RIFLETTE

Pablo Armero e Daniele De Rossi (fonte: facebook AC Milan)
Pablo Armero e Daniele De Rossi (fonte: facebook AC Milan)
Pablo Armero è arrivato in Italia nel 2010: prelevato dal Palmeiras dall’Udinese di Pozzo, rientrava nel progetto di valorizzazione dei giovani stranieri avviato dalla società friulana. Nella sessione di mercato invernale del 2013 il Napoli acquisisce metà del cartellino del giocatore ma, esattamente un anno dopo, non soddisfatti delle prestazioni del colombiano, gli uomini di De Laurentiis rigirano Armero in prestito al West Ham. Chiusa l’avventura in Premier League, la compartecipazione del cartellino viene risolta da Udinese e Napoli solo alla buste, con i friulani che hanno la meglio e che lasciano partire il terzino alla volta di Milano. E’ l’estate 2014, su richiesta di Inzaghi Armero arriva in rossonero al posto di Constant.Ambiente e giocatore sono carichi di ottimismo: reduce da un grande mondiale in Brasile con la Colombia, Armero sembra destinato a risollevare le sorti delle fasce rossonere. Gioca alla prima di Campionato contro la Lazio dove subentra a Bonera, ma poi, per altre 12 giornate non mette più piede in campo. Le tante, forse troppe, panchine fanno nascere qualche polemica contro i modi di società e mister e Pablo esprime il suo rammarico per il ruolo da comprimario.Poi arriva la svolta: De Sciglio si infortuna e per Armero si aprono le porte della titolarità sulla corsia mancina. Da allora gioca quattro partite dall’inizio: con Udinese e Napoli in casa, Genoa e Roma in trasferta. E proprio contro la sua ex squadra, il Napoli, riesce ad incidere sul match con una prestazione pulita e precisa culminata con l’assist millimetrico per la testa di Bonaventura per il 2-0. Nelle trasferte di Genoa e Roma i tifosi hanno potuto capire il perchè di tante panchine imposte da Inzaghi sinora. Contro i rossoblù è mancato il giusto atteggiamento dell’intera squadra, ma proprio da un giocatore che per molto tempo non aveva visto il campo ci si aspettava certamente qualcosa di più dal punto di vista del carattere. A Roma il colombiano ha poi rischiato di rovinare il match: espulso ingiustamente per doppia ammonizione, il giocatore ha lasciato i compagni a difendere il risultato per gli ultimi 20minuti del match.Sicuramente in società non saranno soddisfatti appieno del suo apporto e, qualora si palesasse un’occasione low cost sulla fascia mancina, per Armero l’esperienza rossonera potrebbe anche chiudersi anticipatamente.Matteo Anobile

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy