ARMERO, NIANG AND CO.: LA FIERA DELLE OCCASIONI SPRECATE

ARMERO, NIANG AND CO.: LA FIERA DELLE OCCASIONI SPRECATE

VAN GINKEL
Marco Van Ginkel, centrocampista rossonero (spaziomilan.it)
Le certezze di Pippo Inzaghi, con il proseguire della stagione, diminuiscono sempre più. L’ultimo caso è quello di Keishuke Honda, apparso stanco nelle ultime gare dopo un inizio folgorante. Ma il vero problema rossonero è in panchina: le riserve non garantiscono affidabilità.Nonostante non gravi sulla truppa di Inzaghi l’impegno europeo, avere una panchina all’altezza e la possibilità di fare turnover è sempre fondamentale. Purtroppo però, il mister milanista non trova le giuste risposte. Marco Van Ginkel, ad esempio, fatica a mettersi in luce. Nei pochi minuti giocati non è riuscito a far vedere il suo valore, la sua tecnica e il potenziale tanto descritto al suo sbarco a Milano.Altro esempio è Pablo Armero: in estate lo si vedeva come finalmente l’arrivo di un terzino mancino naturale, ma il positivo inizio di Abate e l’insostituibilità di De Sciglio hanno portato Inzaghi a relegare il colombiano in panchina che, assaggiato il campo dopo diversi sfoghi, non è mai riuscito ad accendere alcuna fiamma.La lista purtroppo non termina qua: Bonera è spesso disattento e ingenuo, pecche che lo portano ad errori grossolani e decisivi; Torres e Pazzini faticano a trovare il gol e raramente cambiano le sorti della partita a gara in corso; Niang rimane troppo individualista ed astratto e domenica a Genova ha perso troppi palloni in pochi minuti, sprecando opportunità preziose.Ora non resta che affidarsi al mercato e credere nella riscossa dei panchinari, attesi ad esami importanti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy