ANCHE GALLIANI BOCCIA IL MILAN E INZAGHI: “C’E’ DA PIANGERE”

ANCHE GALLIANI BOCCIA IL MILAN E INZAGHI: “C’E’ DA PIANGERE”

www.corriereadriatico.it
www.corriereadriatico.it
“C’è poco da dire, c’è da piangere. D’altronde c’è poco da aspettarsi da chi è nono e decimo” Una frase breve ma decisamente eloquente quella detta da Adriano Galliani ad alcuni tifosi all’uscita da San Siro dopo il pareggio tra Inter e Milan. Se pochi giorni fa l’amministratore delegato sembrava pronto a confermare l’allenatore, che avrebbe avuto alle spalle il pieno appoggio della società, ora la delusione è tanta. E se è vero che il risultato non è stato clamoroso e il Milan, che avrebbe anche potuto perdere, non ha subito una disfatta, è uscito comunque perdente moralmente dal derby di ieri sera. Berlusconi aveva detto che chi avrebbe vinto ieri sarebbe uscito dalla crisi, il pareggio però non salva nessuno anche se l’Inter sembra ripartirne oggi con una marcia in più. Il Milan ha invece deluso sotto molti punti di vista: poca grinta, gioco sterile, e i soliti momenti di blackout in cui la squadra si è abbassata troppo. L’idea di Inzaghi è chiara: lasciare il gioco in mano agli avversari e ripartire grazie alla velocità di Menez in contropiede. Ma i rossoneri, salvo gli ultimi minuti del primo tempo e quelli iniziali del secondo, si sono chiusi nella loro trequarti e, numeri alla mano, alla fine le occasioni vere le ha avute l’Inter. E’ la prima volta che Galliani si sbilancia in questo modo contro l’operato di Inzaghi, reo di non riuscire a dare una scossa alla squadra, mentre in precedenza la società aveva sempre ribadito la sintonia con il tecnico. Oggi l’addio dell’allenatore a fine stagione sembra decisamente più vicino: se il Milan cambierà anche la guida del club, impossibile non pensare ad una svolta decisa anche in panchina.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy