ALLEGRI NON E’ SCHETTINO, MERITA FIDUCIA. TRASFORMERA’ QUESTA SQUADRA

ALLEGRI NON E’ SCHETTINO, MERITA FIDUCIA. TRASFORMERA’ QUESTA SQUADRA

PSV Eindhoven v AC Milan - UEFA Champions League Play-offs: First LegCome sempre, vado controcorrente. Una valanga di critiche sta piovendo sulla testa di Massimiliano Allegri dopo l’immeritato pareggio con il Torino. Il Milan non ha giocato bene, anzi. E’ apparso troppo lento e compassato, senza idee, come al Bentegodi con il Verona. In quel caso, però, arrivò un ko umiliante, per le modalità della sconfitta più che per il risultato in sé. Con i gialloblu mancò completamente la voglia di rialzarsi, il desiderio di riscatto, quell’orgoglio messo in mostra invece all’Olimpico, quando sotto di due gol la squadra ha continuato a credere in un pareggio che avrebbe avuto il sapore del miracolo. Il carattere c’è stato, dunque. Un mezzo passo avanti lo si è visto. Certo, forse un po’ troppo poco, anche perché con i preliminari di Champions tutti si aspettavano un Milan più in palla fisicamente e un inizio più lanciato. Non è stato così, ma Allegri merita fiducia. Non è uno Schettino qualunque, non ha abbandonato la nave l’anno scorso quando avrebbe potuto. Le acque presidenziali erano agitate, tirava vento contro e avrebbe potuto salutare con un piazzamento in Champions in cui pochi a inizio stagione avrebbero scommesso. Non l’ha fatto e per questo merita fiducia. Ha dimostrato attaccamento, ha creduto nel Milan, ancora prima che il Milan credesse in lui. Ora è il momento di rendergli questa fiducia. Troverà presto il modo di far rendere questa squadra, sceglierà il modulo giusto e metterà i giocatori nelle condizioni migliori per rendere al massimo. In attesa ovviamente di un cambio di passo e di gioco che – è evidente – adesso non c’è, Massimilano Allegri merita tempo e sostegno.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy