ESCLUSIVA PM – SERAFINO, IL BABY TALENTO FINITO AL BOCA: “VI RACCONTO LA MIA STORIA”

ESCLUSIVA PM – SERAFINO, IL BABY TALENTO FINITO AL BOCA: “VI RACCONTO LA MIA STORIA”

Commenta per primo!

Serafino
Serafino (fonte foto: pianetamilan.it)
Da Rho a Buenos Aires. Strada lunga, tortuosa, piena di insidie per tutti. O quasi. Francesco Serafino, giovane talento azzurro emigrato in Argentina, racconta in esclusiva la sua storia a Pianeta Milan. Il giovane classe ’97 ha da poco compiuto 17 anni e da sempre è amante del calcio. Una storia fatta di passione, di voglia di arrivare e di sacrifici. Che sono stati ripagati: ora Francesco è nelle giovanili del Boca, e ha attirato su di sé le attenzioni dei maggiori club italiani. Mezza punta, piace tanto al Milan e alla Juventus. Questa è la sua storia.Andiamo con ordine e partiamo dall’inizio, la tua esperienza italiana: dove sei cresciuto,qual è la tua storia calcistica? Di che squadra sei tifoso? “Sono nato a Rho, ma a due mesi vivevo in Calabria, i miei genitori sono calabresi. Ho iniziato a giocare a calcio in un campetto vicino alla spiaggia di Fuscaldo, la cittadina calabrese in cui sono cresciuto e nella scuola calcio dello stesso Comune. A dieci anni sono passato alla Reggina e l’anno dopo negli esordienti della Roma. Sono tifosissimo del Cosenza!”
 Come si è aperta l’opportunità Argentina? Sei andato subito al Boca o ci sono stati diversi passaggi? “Mi sono trasferito in Argentina a 12 anni a causa degli impegni lavorativi di mio padre. Prima di approdare lo scorso anno al Boca Juniors, ho praticamente dovuto rifare tutto d’accapo giocando in diversi Club più piccoli…” Quanto è diverso, a livello giovanile, il calcio argentino da quello italiano? “Il calcio qui in Argentina è completamente diverso. C’è molta passione ma anche pressione. In campo i difensori sono davvero duri e gli arbitri fischiano molto meno rispetto all’Europa. Questo costringe gli attaccanti a dover ricorrere all’abilità di palleggio e la velocità per saltare l’avversario. Il gioco complessivo è meno tattico, anche se negli ultimi anni si sta cercando di lavorare molto anche in tal senso.”
Il Milan sta scrutando talenti in Sudamerica: sei mai stato contattato dai rossoneri? “Sento molte voci di club italiani che mi stanno seguendo ma di concreto e ufficiale non so ancora nulla. Il mio compito è quello di onorare la ‘camiseta’ del Boca, a cui sono davvero grato per avermi sempre sostenuto, anche quando pareva che il permesso FIFA per giocare non arrivasse più…”Come mai? “Perché io sono un minorenne straniero e la FIFA è rigida quando ci sono casi come il mio,deve accertarsi che il padre lavora nel Paese, oltre ad altri requisiti”.

Che tipo di giocatore sei, qual è la tua migliore qualità e su quale particolare devi migliorare? “Il contropiede è il mio forte. Amo giocare di prima e in velocità, aggredire gli spazi, crossare e fare assist per i miei compagni. Mi piace calciare le punizioni. Devo migliorare molto nei colpi di testa”
 Il tuo idolo italiano e quello argentino! “Il mio idolo in assoluto è argentino e si chiama Diego Armando Maradona. Ma oggi Tevez è da ammirare per la storia che ha alle spalle e per ciò che dimostra in ogni partita, classe, tenacia e grinta. In Italia il mio primo idolo è stato Baggio e poi Totti che ho avuto modo di veder giocare da vicino”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy