ESCLUSIVA PM – ERANIO: “GALLIANI? GLI AFFIANCHEREI MALDINI PER IL BENE DEL MILAN”.

ESCLUSIVA PM – ERANIO: “GALLIANI? GLI AFFIANCHEREI MALDINI PER IL BENE DEL MILAN”.

Commenta per primo!

Stefano Eranio (fonte foto: derbytelegraph.co.uk)
Stefano Eranio (fonte foto: derbytelegraph.co.uk)
Pianeta Milan ha contattato in esclusiva Stefano Eranio, grande ex di Milan e Genoa. Abbiamo parlato della situazione del Milan, della partita di domenica, di mercato ed altro ancora. Oggi pubblichiamo la prima parte della lunga intervista.Di seguito la prima parte dell’intervista:Inzaghi è un esordiente, come lo era Capello ai tuoi tempi. Che differenze vedi? E’ difficile paragonarli. Il Milan di allora poteva spendere molto sul mercato. Poi Capello partiva dall’ossatura della squadra di Sacchi, da un Milan vincente. Serviva più un gestore dello spogliatoio, che un allenatore, in questo senso. Poi Capello ha vinto tanto, però quel Milan di problemi ne aveva ben pochi. Inzaghi ha fatto anche meno gavetta nelle giovanili. Capello ne aveva fatta tanta, invece, per oltre dieci anni. Questo può essere importante, perché ti permette di sbagliare senza l’assillo dei risultati. E sono proprio gli errori che ti migliorano e ti fanno crescere. Questo Inzaghi non l’ha fatto, lo dovrà fare adesso. Però adesso gli errori si pagano.Domenica c’è il Genoa, Galliani e Preziosi sono grandi amici. Quale ti piace di più?   Preziosi non lo conosco. Non è mai venuto a salutarmi. Non posso esprimermi. Mentre Galliani è il numero uno nel suo ruolo. E’ un genio da questo punto di vista. E’ uno che fa di necessità virtù e ottiene cose quasi miracolose a volte. Il suo cruccio credo sia che gli è stato impedito di portare Tevez al Milan per Pato. Adesso lo possiamo dire: avrebbe portato minimo un altro scudetto, però soprattutto la Juventus non sarebbe mai partita! Magari adesso avremmo ancora anche Ibra e Thiago, perché quando si vince tutti sono contenti di restare. Avremmo vinto tanto. Peccato.C’era lo zampino di Barbara?       Non lo so, può darsi. Non posso dirlo. Però lui aveva fatto un gran colpo. E’ stato veramente un errore madornale.Barbara sta cercando di traghettare il Milan in una nuova dimensione commerciale. Si parla molto di una nuova classe dirigente. Facciamo dei nomi: Paolo Maldini, Demetrio Albertini, Filippo Galli, Stefano Eranio. Cosa c’è di vero?     Per quanto riguarda Maldini penso si parlasse di lui come di un’alternativa a Galliani. In questo momento, però, io non rinuncerei mai al numero uno nel suo campo. Galliani ha contatti e capacità che nessun altro ha. Io penso che il meglio per il Milan sarebbe far affiancare Maldini da Galliani, per farlo crescere e migliorare, insegnandogli come ci si muove.Però i due non si amano? Questo l’ho sentito dire, non posso confermarlo, perché non ne ho mai parlato né con uno né con l’altro. Però ripeto: li vedrei bene in un ideale passaggio di consegne, in cui Galliani insegna il mestiere a Paolo.E tu, Albertini e Galli? Sicuramente Albertini ha già molta esperienza a livello dirigenziale. L’ha già fatto anche in Nazionale. Conosce bene l’ambiente e il calcio in generale. Poi è un amico quindi glielo auguro davvero. Anche Filippo è molto bravo e sta facendo esperienza al settore giovanile. Così come mi auguro di avere anch’io l’opportunità. Ho fatto tanti anni nel settore giovanile. In futuro vedremo. Per il momento sta andando tutto bene, quindi diventa difficile cambiare. Forse non è neanche giusto. Comunque spero di avere le opportunità giuste al momento giusto. Oggi come oggi è difficile trovar spazio. Io sono un uomo di calcio e ho vissuto tante situazioni dentro al calcio. Rispetto a tanti altri io ho questo valore aggiunto che a me sembra un bene prezioso. Poi decideranno altri. Andrea Bricchi(Twitter: @andreabricchi77).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy