GARAY E WITSEL: BENFICA, ZENIT E QUELLE SIRENE ROSSONERE

GARAY E WITSEL: BENFICA, ZENIT E QUELLE SIRENE ROSSONERE

Commenta per primo!

Garay e Witsel, obiettivi rossoneri ora allo Zenit - foto: diez.hn
Garay e Witsel, obiettivi rossoneri ora allo Zenit – foto: diez.hn
“Stessa storia, stesso posto, stesso…”. No, nessun bar, ma solamente le sirene del calciomercato. E i protagonisti di questa storia sono Ezequiel Garay e Axel Witsel. Di professione difensore e centrocampista. Giocatori che non fanno vendere le magliette ma che fanno vincere i campionati. E nel calcio conta quello. Entrambi allo Zenit San Pietroburgo, sono stati accostati di recente al Milan. Il primo come alternativa ad Alessio Romagnoli, il secondo come colpo per innalzare la qualità del centrocampo.Sia chiaro, in difesa l’obiettivo numero 1 è Alessio Romagnoli. Il Milan ha offerto 25 milioni di euro, ma la Roma, per il momento, chiede 30. Se le richieste giallorosse no dovessero scendere, i rossoneri inizierebbero a vagliare le alternative. Garay è la prima: classe ’86, nato a Rosario in Argentina, con un passato al Real Madrid, è esploso al Benfica. Lo Zenit ha investito più di 20 milioni la scorsa estate per accaparrarselo.Affari d’oro per il Benfica quelli con lo Zenit. Sì, perché nel 2012 il club russo spese 40 milioni di euro per il centrocampista belga, allora promessa in forza ai lusitani. Il Milan ha l’accordo con il giocatore, manca quello con lo Zenit. Inoltre il Chelsea sta facendo sul serio e vuole mettere il bastone tra le ruote alla dirigenza milanista. Compagni di squadra al Benfica per un anno nella stagione 2011/12, insieme allo Zenit da un anno, ora obiettivi rossonero. I due avanzano a braccetto, a meno che Romagnoli non si metta in mezzo occupando un posto in difesa e svuotando, in parte, le casse rossonere.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy