#3MOTIVI PER… NON VOLERE OSVALDO

#3MOTIVI PER… NON VOLERE OSVALDO

tuttosport.com
tuttosport.com
Daniel Osvaldo è in rotta con l’ambiente dell’Inter dopo lo scatto d’ira avuto nei confronti di Mauro Icardi durante Juventus-Inter. In quell’occasione del 6 gennaio, l’italo-argentino si è scagliato contro il compagno di reparto per non avergli passato la palla al termine un contropiede e solo l’intervento di Guarin ha impedito che i due arrivassero alle mani.  La società nerazzurra ha quindi deciso di mettere fuori rosa il giocatore e di sondare il terreno di mercato per un’offerta. Osvaldo, che non è nuovo a certi comportamenti, potrebbe così cambiare nuovamente squadra e proprio il Milan si sarebbe fatto sotto per l’acquisto del giocatore. Pianeta Milan elenca #3motivi per cui i rossoneri farebbero meglio a non interessarsi all’attaccante nerazzurro.1-Il Milan è coperto nel ruolo. Il parco attaccanti rossonero è composto da sette elementi e con Osvaldo, qualora dovesse arrivare, salirebbe a otto componenti. Considerando inoltre che Inzaghi non usa giocare con una punta vera davanti ed ha adattato Menez come falso nove, la presenza di Osvaldo andrebbe ad intasare il reparto. Torres è partito anche per questo motivo, ma resterebbero ancora anche Pazzini e Niang, utilizzati sinora con il contagocce.2- Ha un carattere troppo difficile. Un elemento che penalizza l’attaccante è il carattere molto difficile da gestire. A Roma è dovuto scappare nel vero senso della parola, in seguito a minacce da parte dei tifosi, stufi dei suoi atteggiamenti. Storico l’episodio di due stagioni fa a Marassi contro la Sampdoria quando volle tirare il rigore di prepotenza (anche se il rigorista designato era Totti) e lo sbagliò.Altro episodio che sancì la rottura definitiva con il popolo giallorosso fu la lite con Andreazzoli nella finale persa del derby di Coppa Italia, al termine della quale Osvaldo disertò la premiazione. Poi il passaggio al Southampton e la rissa con un compagno di squadra. Insomma, se il Milan ha ceduto Balotelli per gli atteggiamenti fuori dalle righe, prendendo Osvaldo sicuramente correrebbe il rischio di ritrovarsi un’altra ‘mela marcia’.3-Roma, Juve e Inter…ha fallito ovunque. Oltre ai limiti caratteriali che ne hanno penalizzato la carriera, anche in campo spesso non si è mostrato determinante. Di lui si ricordano gol spettacolari ma mai decisivi ai fini del risultato, tanto che nel biennio  in cui ha vestito la maglia giallorossa sono coincisi con grandi delusioni e contestazioni da parte dei tifosi.Con la maglia della Juve ha totalizzato solo 11 presenze  per lo più entrando a gara in corsa, segnando un solo gol proprio con la sua ex squadra, la Roma. In neroazzurro ha messo a segno 5 gol in 12 partite, ma l’ennesimo episodio ‘inadeguato’ ha sancito la rottura col club. Matteo Anobile 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy