#3MOTIVI PER NON ABBASSARE LA GUARDIA

#3MOTIVI PER NON ABBASSARE LA GUARDIA

L'esultanza di Poli e Mexes (acmilan.com)
L’esultanza di Poli e Mexes (acmilan.com)
Il Milan ieri sera è tornato finalmente a vincere, cogliendo la terza vittoria nel girone di ritorno. A San Siro, oltretutto, i rossoneri hanno anche messo in campo una prestazione convincente sotto il punto del vista del gioco e questa potrebbe essere la notizia migliore per Filippo Inzaghi. Eppure non è tutto oro quel che luccica e anzi, la sensazione è che il Milan sia solo all’inizio di un processo piuttosto lungo, ecco quindi i motivi principali per non abbassare la guardia:1) Una rondine non fa Primavera: Quella di ieri sera è stata la terza vittoria nel 2015, la prima in un mese. Il Milan infatti non trovava i 3 punti dal 22 febbraio quando, non senza difficoltà, si impose contro il Cesena. In mezzo i pareggi con le veronesi e la sconfitta contro la Fiorentina, gare in cui i rossoneri non hanno mai convinto sotto il piano del gioco oltre che quello del risultato finale non soddisfacente.2) La difesa è ancora troppo porosa: E’ vero, è tornato Zeman con il suo calcio offensivo, ma ieri il Milan oltre a subire un gol evitabilissimo, nato da un banale errore in fase di possesso, ha poi rischiato in diverse occasioni di prendere la seconda rete, quella che avrebbe cambiato il destino di una partita e forse anche della stagione del Milan e di Filippo Inzaghi. In generale la sensazione è che alla retroguardia rossonera manchino delle certezze e quella tranquillità necessaria per fare bene.3) La classifica resta inquietante: Con la vittoria di ieri il Milan è salito a 38 punti, pochissimi dopo 28 giornate di campionato. In attesa di vedere come si comporteranno le altre squadre in lotta per un posto in Europa League non possiamo non sottolineare come il sesto posto, al momento, sia lontano 7 lunghezze e come il calendario del Milan, da qui alla fine della stagione, sia a dir poco complesso. Certo, anche le altre avranno tanti scontri diretti e soprattutto come ha sottolineato Menez ieri sera “bastano 2/3 vittorie consecutive per ribaltare tutto”, ma dall’inizio della stagione il Milan non ha mai portato a casa un filotto importante e non scontato che riesca farlo adesso, credere quindi che da adesso in poi la stagione del Milan sarà un successo, potrebbe non essere molto saggio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy