#3 MOTIVI PER NON VENDERE A MISTER BEE. NON E’ TUTTO ORO QUELLO CHE LUCCICA

#3 MOTIVI PER NON VENDERE A MISTER BEE. NON E’ TUTTO ORO QUELLO CHE LUCCICA

Bee Taechaubol, fonte foto eurosport.yahoo.com
Bee Taechaubol, fonte foto eurosport.yahoo.com
In queste ore si parla con una certa insistenza di una cessione, in parte o totale, del Milan. Diverse le personalità interessate alla squadra di Silvio Berlusconi, che per la prima volta in quasi 30 anni potrebbe davvero cedere la società rossonera. Tra gli interessati c’è anche il broker thailandese Bee Taechaubol che, pare, avrebbe messo sul piatto un miliardo di euro. Secondo noi però la vicenda e il personaggio presentano troppi punti oscuri ecco i principali:1) Il personaggio: “Mister Bee” non è un magnate, nemmeno un ricchissimo tycoon. Certo la sua società vale circa 90 milioni di euro, ma è una cifra bassissima per una società del valore del Milan. Come se non bastasse il governo di Bangkok lo guarda da tempo con sospetto per certe operazioni di alta finanza non proprio chiarissime e su di lui pende un’inchiesta dell’equivalente della Consob thailandese per insider trading.2) L’offerta: Appurato che Taechaubol, di suo, non ha i mezzi per comprare il Milan, diventa evidente come stia agendo per conto di terzi o comunque con dei capitali alle spalle, al momento però non è chiaro sapere chi siano i suoi soci in affari e il rischio che il Milan diventi solamente il pezzo di un’oscura operazione finanziaria (come successo al Parma che è passato dalle mani di Ghirardi a quelli di Taci per finire dopo neanche un mese in quelle di Manenti) è alto.3) Il piano tecnico: A parte la volontà di comprare il Milan, ad oggi si conosce ben poco delle intenzioni di Taechaubol che oltretutto non avrebbe nemmeno capitali importanti alle spalle per mettere in piedi un mercato in grande stile, come successo ad esempio a Parigi, oppure a Manchester, sponda City. Ad oggi, non ci sono garanzie che una figura di questo genere possa, davvero riportare il Milan a competere ad alto livello in Italia e soprattutto in Europa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy